Come si svolge l’esame del campo visivo computerizzato?

il paziente

  • viene sottoposto ad alcuni test luminosi
  • preme un pulsante quando vede accendersi le luci sullo schermo

l’ortottista

  • segue su un monitor l’attenzione del paziente
  • interrompe l’esame se il paziente perde la concentrazione

Le luci possono avere diversa intensità, l’esame è indolore e relativamente rapido.

Come si fa il campo visivo?

L’apparecchio utilizzato per lo studio del campo visivo si chiama perimetro. L’esame del campo visivo, o perimetria computerizzata, si esegue in un ambulatorio semibuio prima su un occhio poi sull’altro. Il perimetro computerizzato è costituito da una cupola concava con sfondo bianco sulla quale si accendono e si spengono, in diverse posizioni e senza preavviso, piccole luci di varia intensità, in modo da valutare l’ampiezza e l’integrità del campo visivo. La luce viene proiettata in diverse posizioni, in modo da saggiare l’integrità del campo visivo in tutti i quadranti, superiore, inferiore, nasale e temporale.

  • il paziente è seduto davanti al perimetro appoggiato ad una mentoniera ed ha in mano un pulsante
  • il paziente deve mantenere lo sguardo fisso su una luce posta al centro della cupola
  • il paziente deve premere il pulsante che ha in mano quando vede accendersi all’interno della cupola, senza preavviso, una luce di intensità variabile
  • il paziente non deve cercare gli stimoli luminosi spostando lo sguardo
  • il paziente deve continuare a guardare la luce al centro della cupola senza cercare le luci che si accendono e si spengono all’improvviso alla periferia della cupola
  • il paziente non deve premere il pulsante in assenza di uno stimolo luminoso

Premendo il pulsante, che il paziente tiene in mano, la corretta o la mancata percezione di ogni stimolo luminoso viene trasmessa al computer del perimetro che misura, cataloga, elabora e crea, così, la mappa del campo visivo di ogni occhio.

La visione di ogni stimolo luminoso corrisponde ad una precisa localizzazione della percezione della luce da parte

  • dei fotorecettori, le cellule della retina
  • delle fibre del nervo ottico
  • delle aree cerebrali della corteccia visiva.

L’acquisizione dei parametri fornisce la rappresentazione grafica della porzione di spazio che un occhio riesce a percepire guardando diritto davanti a sé. Alla fine viene prodotto un grafico che evidenzia eventuali punti o aree di restringimento del campo visivo. Il computer crea anche una mappa in scala di grigi

  • ai colori più chiari corrispondono le aree di normale sensibilità
  • ai colori più scuri corrispondono le aree di minore sensibilità alla luce

I valori normali del campo visivo

Il campo visivo è normale se la porzione di spazio che l’occhio vede rimanendo immobile e fissando un punto davanti a sé si estende

  • oltre i 90° temporalmente
  • fino a 60° nasalmente e superiormente
  • a circa 70° inferiormente

L’Ambulatorio Oculistico Bravetti è da sempre attento ad ottenere il miglior risultato attraverso un’accurata e precisa analisi delle condizioni oculari. Il paziente viene assistito costantemente e ogni esame è spiegato nei minimi particolari.

Studio di Savignano Sul Rubicone
Via Gaio Sabino, 3
Tel. +39 0541 94 44 75
mail: giorgio@bravetti.it

Studio di Bologna
Via Bellacosta, 44
Tel. +39 051 644 83 25
mail: giorgio@bravetti.it